La nostra pizza in teglia da oggi sarà anche da asporto!

Da oggi in Via Mameli 224 a Cagliari tutte le sere dal lunedì al sabato dalle 18:00 alle 22:00 troverete il nostro bancone carico e colorato dalle nostre pizze in teglia a lunga lievitazione e potrete sia degustarle direttamente lì con una buona birra artigianale oppure portarla via per mangiarla in buona compagnia.

Per questo vi consigliamo di chiamare il numero 0704598227 e prenotare il vostro ritiro!

Vi ricordiamo qualche caratteristica delle nostre pizze:

  • 72h lievitazione
  • selezione di farine di grani italiani
  • farciture stagionali e genuine
  • nascono per essere condivise
  • se ne possono ordinare tanti gusti
  • non sporcano né piatti né forchette e coltelli perché sono già tagliate a tocchetti
  • sono ottime anche il giorno dopo riscaldate

Dunque ricapitolando le troverete la mattina in via Cocco Ortu 25 e per pranzo e per cena in Via mameli 224  a Cagliari.

 

Buon appetito!!

Hai mai provato quella forte sensazione di indecisione di fronte al banco delle nostre pizze ?

Noi ti capiamo e per questo motivo abbiamo ideato la #degustazionelibera.

Come funziona ?

Visita la nostra pagina Facebook e aderisci alla promozione, potrai prenotare per te e i tuoi amici una degustazione libera di tutte le nostre pizze in teglia.

Ti aspettiamo nel punto vendita/laboratorio in Via Mameli 224 a Cagliari.

W le buone lievitazioni e W la pizza!

 

Impasto a lunga lievitazione

 

 

Una delle nostre grandi passioni è sempre stata quella di creare collaborazioni, soprattutto con i giovani

soprattutto quelle con i giovani.

Così grazie alla collaborazione e all’impegno del Professor Melis e della Professoressa Pettinao,

della Facoltà di Economia dell’Università di Cagliari,

abbiamo creato il contest:

Porta 1918: Cento anni a lievitazione naturale

attraverso il quale chiederemo agli studenti di pensare e aituarci a organizzare

l’evento per il festeggiamento del nostro centenario,

che si terrà a Gonnosfanadiga a fine settembre/inizio ottobre,

attraverso il quale vorremmo festeggiare raccontando la nostra storia e

facendo vivere il pane e Gonnosfanadiga

sotto tanti punti di vista.

 

Gli studenti avranno un budget da rispettare

che sarà interamente in Sardex

con il quale potranno realizzare tutte le iniziative volte a rendere speciale la manifestazione.

Nella prima parte il contest avrà un seminario che darà l’opportunità agli studenti di ottenere 1 CFU

 

Per saperne di più vi invitiamo a partecipare

martedì 27 marzo alle ore 10:00 presso l’aula magna ex economia

dove vi presenteremo il contest e le modalità per partecipare

 

N.B.

 

 

Il seminario è a numero chiuso e i posti riservati sono stabiliti nel n° di 30.

Possono partecipare al seminario gli studenti del terzo anno (o successivi) che abbiano conseguito almeno 90 CFU e che abbiano già sostenuto l’esame di marketing o marketing turistico (se di EGST).

L’ammissione è determinata da una graduatoria combinando i criteri di cui sopra con l’ordine cronologico di arrivo della domanda di iscrizione inviando una email entro il 27 marzo 2018 al seguente indirizzo: gemelis@unica.it

 

Con l’invio della Domanda di iscrizione il richiedente, ai sensi del D. Lgs. 196/2003, esprime il consenso al trattamento dei dati personali secondo le finalità sopra richiamate.

 

TIMELINE

27 marzo 2018: presentazione del contest agli studenti (2 ore, dalle ore 10.00 alle 12.00)

31 marzo 2018: scadenza presentazione delle domande di partecipazione al seminario del 10 aprile.

10 aprile 2018: lezione frontale sul tema “Gli eventi: dalla loro progettazione alla loro realizzazione” (4 ore, dalle ore 8.00 alle 12.00)

7 maggio 2018: presentazione degli elaborati da parte dei diversi gruppi (4 ore di mattina).

14 maggio 2018: identificazione del gruppo vincitore e comunicazione ai partecipanti

 

COME OTTENERE 1 CFU

Nella prima (1 CFU) fase ci sarà un incontro frontale in cui si spiega l’iniziativa e si presenta l’azienda Porta1918 per mettere gli studenti nella condizione di entrare dentro la realtà aziendale.

La lezione si svolgerà secondo la tecnica dello storytelling arricchita dalle domande degli stessi studenti che vorranno intervenire per comprendere meglio punti di forza, di debolezza, minacce e opportunità, legate principalmente alla celebrazione

Sempre nella prima fase una parte importante del lavoro, successivo a tale incontro, riguarda la predisposizione, in gruppi di massimo 3persone, di una idea di massima da realizzare con slide che saranno illustrate ad una commissione giudicatrice entro un mese dal primo incontro.

Verification of learning/Verifiche dell’apprendimento / procedure di valutazione:

La verifica avverrà con la valutazione degli elaborati presentati dai diversi gruppi da una commissione composta dai docenti promotori e dal management aziendale. In questa fase si valuteranno rispettivamente il contenuto dell’elaborato e l’esposizione che vedrà coinvolto ogni singolo studente. Chiaramente i risultati per i diversi gruppi possono essere tutti positivi ma con punteggio differenziato per cui acquisiscono tutti il CFU.

Oggi 23 marzo 2018 festeggiamo il nostro primo anno in Via Mameli 224 a Cagliari.

E’ stato un anno ricco di soddisfazioni, di sfide, di crescita umana e professionale per tutti noi.

Intanto siamo orgogliosi di aver creato un’amicizia con chi ci ha preceduto , Laura e Rosalba della Rosa del Pane, sono diventate nostre amiche e ci piace sottolinearlo perché quando c’è un avvicendamento non sempre si crea un rapporto così bello.

Poi siamo orgogliosi di Federica, Marco, Mohamed, Samuel, Federico, Marta, Matteo, una squadra di giovani che ogni giorno accoglie le persone con il sorriso, che racconta la nostra storia e si impegna per migliorarsi ogni giorno. All’interno di questo gruppo una menzione speciale la merita il nostro Momo, che fa parte della squadra Porta da ormai 4 anni e ha avuto un anno fa il coraggio di lasciare la sua Gonnos e buttarsi nell’avventura di Cagliari, lui che fino ad allora non aveva mai fatto una focaccia o una pizza. Se dobbiamo pensare a Momo un anno fa ce lo ricordiamo affacciato alla finestra del forno, appeso alle maniglie, nella speranza che quelle dannate focacce sviluppassero, si alzassero nella cottura, nella speranza che tutto quel lavoro fatto nelle ore precedenti non andasse perso proprio all’esame finale.. Oggi abbiamo trovato il metodo di lavoro giusto, la tecnica che ci fa lavorare al meglio e siamo orgogliosi delle nostre pizze in teglia a lunga lievitazione  e Momo non si appende più alle maniglie del forno, anche se uno sguardo attento lo da sempre, non si sa mai!:-) Però non dobbiamo mai dimenticarci quanto lavoro c’è dietro tutti i nostri prodotti e quanto ci sia sempre la possibilità di migliorarsi.

 

Siamo contenti di aver fatto della panetteria di Via Mameli un punto d’incontro: fra studenti, produttori, lavoratori, giovani e anziani. Un luogo dove degustare buoni prodotti in buona compagnia.

oggi festeggiamo, orgogliosi per quanto stiamo facendo

e consapevoli che la bellezza del nostro lavoro sta nel fatto che ogni giorno possiamo migliorarci.

 

Natale è il momento dell’anno più importante, quello dove la famiglia si riunisce intorno alla tavola in allegria e affetto.

Inutile dire che sulla tavola c’è la migliore espressione della cucina casalinga, con menù studiati nei minimi dettagli, dove ogni famiglia ha il suo, che ne racconta storia, passioni, tradizioni, gusti.

Il Natale ci da la responsabilità e l’orgoglio di essere sulla tavola di tantissime persone, entrando a far parte della storia di diverse famiglie, di accompagnarle, dall’antipasto al dolce nel pasto più importante e sentito dell’anno.

Così abbiamo deciso di premiare chi ci da l’onore di entrare a far parte del menù più intimo della famiglia creando il contest:

Natale a lievitazione naturale

Nel quale vi invitiamo a scattare una fotografia ai nostri prodotti  e a come li avete valorizzati sulla vostra tavola durante il cenone del 24 e il pranzo del 25 dicembre, condividere poi la foto su instagram o facebook usando il tag #Porta1918.

La foto che otterrà più mi piace permetterà al vincitore e alla sua famiglia di ricevere  un cesto con i nostri prodotti più apprezzati e di trascorrere una giornata nel nostro panificio alla scoperta della #pastamadre di #nonnachiara.

Allora non ci resta che augurarvi uno splendido

Natale a lievitazione naturale!

Anche quest’anno è arrivato il festival di Scirarindi,

che si svolgerà alla Fiera di Cagliari Sabato 25 e domenica 26.

Siamo affezionati a questa manifestazione che sin dal primo anno ci ha messo in relazione con tante persone appassionate del benessere a livello fisico e mentale. Dunque anche i nostri prodotti hanno potuto farsi conoscere e apprezzare per la loro genuinità e territorialità.

Anche quest’anno ci saremo con lo stand espositivo classico, con i nostri pani a #lievitazione naturale, l’amaretto integrale, la nostra pasta e il #panettoneporta.

Fin qui tutto normale.

Ma la grande novità è che quest’anno saremo presenti anche nell’area ristorazione con un’ospite speciale: Davide Bonu, che curerà le farciture e i condimenti delle pizze create dal nostro Momo . Sarà dunque l’occasione per conoscere i nostri prodotti al loro massimo livello!

Ecco il menù a cui abbiamo pensato con Davide:

#Pizzeinteglia, lievitate almeno 48 ore con impasto di farine poco raffinate: tipo 1, tipo 0 e semola rimacinata di grano duro

  • margherita (pomodoro, mozzarella)
  • marinara (pomodoro, olio extravergine d’oliva di Gonnosfanadiga Agricura, origano)
  • colcavolo (cavolo, olive di Gonnos Agricura, pibarda di Gonnos)
  • culurgiones (patate, menta, pecorino caseificio artigianale Pinna di Gonnosfanadiga, pomodoro al forno)
  • cardoncella (fungo cardoncello di Gonnosfanadiga, Brebiblù Argiolas, rucoletta di campo)

#piatti

  • fregulaPorta con uovo, crema di pecorino allo zafferano e spinaci
  • zuppa di legumi e bietole
  • MalloreddusPorta integrali, con pomodoro, ricotta, olive

#panino

  • #semolina a sopresa!

#dessert

  • amaretto integrale!

 

Oltre al menù già che ci siamo vi sveliamo anche gli eventi e gli ospiti del nostro stand

il primo è Davide Bonu, cuciniere cagliaritano con il quale condividiamo spesso eventi e soprattutto con il quale siamo stati in Bielorussia a raccontare la fregula e proprio per questo

sabato 25 alle 11 e domenica 26 alle 18 avremo un piccolo evento nel nostro stand ristorazione dove vi raccontaremo il nostro viaggio: “Cagliari-Minsk andata e ritorno”

L’altro graditissimo ospite è il mitico  Gabriele Valdes, che ci ha guidato nel percorso di apprendimento e scoperta dei segreti della #pizzainteglia e con lui avremo:

domenica 26 h 11

PIZZA SHOW: lapizza in teglia nel forno di casa secondo Gabriele Valdes

 

Insomma, un weekend pieno di emozioni e cose belle

 

allora SCIRARINDI!!!

 

E’ da un po’ di tempo che il nostro nuovo sito internet è on line.

Da allora ogni giorno ci siamo detti: “bene, e adesso cosa scriviamo?”

Perché il primo articolo è un po’ come il primo passo sul web, porta un po’ di emozione, di imbarazzo in merito a quale argomento dare così tanta rilevanza.

Abbiamo pensato di scrivere del nostro lievito madre, raccontandone la storia, come lo teniamo vivo e come lo coltiviamo; oppure raccontare della nuova avventura del Punto Vendita e Laboratorio di Via Mameli 224 a Cagliari, delle pizze in teglia, delle focacce schiacciate; oppure degli amaretti integrali, dell’importanza di selezionare materie prime di qualità, del viaggio in Bielorussia per raccontare e mostrare la nostra fregula, della bellezza di Gonnosfanadiga, di quanto il pane posa essere salutare e tante altre belle cose che ci capitano quotidianamente. Ma per tutto questo c’è tempo.

Così abbiamo pensato che la cosa più giusta fosse iniziare da ciò che per molti è considerata la fine, le ultime righe di un testo, di un libro, di un film.

Abbiamo pensato che la cosa più bella fosse partire dai ringraziamenti.

Dal ringraziare le persone che rendono bello il nostro lavoro.

E allora grazie.

Grazie a chi la sera viene in via dei Fornai a Gonnosfanadiga per prendere il coccoi appena sfornato per cena,

grazie a chi la domenica prima di andare al mare passa a salutarci al Frantoio in via dei Mutilati per un bel panino con la mortadella da mangiare in una delle bellissime spiagge della nostra costa,

grazie alle signore che ogni mercoledì assaltano il punto vendite di Via Eleonora d’Arborea perché ci sono i biscotti della nonna appena sfornati,

grazie ai nostri clienti di San Gavino che fermano la loro bicicletta in viale Rinascita per un croissant al volo,

grazie a chi a Pabillonis prende i dolci sardi da spedire ai parenti in “continente”,

grazie a chi arriva e chi parte alla stazione di Serramanna e passa in piazza Matteotti per un saluto a Franca e due semoline,

grazie a chi va al mercato il giovedì a Samassi e ama i nostri ravioli,

grazie a chi passa da Villasor, un saluto a Maria e un civraxeddu,

grazie al signore che in via Cocco Ortu a Cagliari il sabato mattina prende il pesce al mercato e ci viene a trovare per due coccoetti e un pescone per la nuora che come ogni sabato andrà a pranzo da lui,

grazie ai ragazzi che dopo una mattinata di studio alla MeM ricaricano le batterie in via Mameli con le nostre focacce e pizze in teglia.

Grazie a queste e tutte le persone che ogni giorno ci vengono a trovare, perché la bellezza del nostro lavoro è tutta nei loro sorrisi, nell’orgoglio di esserci sempre, perché ogni panificio è custode dei paesi, dei quartieri: è quotidianità.

Per noi questo è importante, ci rende orgogliosi e consapevoli della responsabilità di offrire ogni giorno non solo il pane quotidiano, ma un punto di riferimento, dove confrontarsi, raccontarsi storie e pensieri. La responsabilità di essere ogni giorno sulle tavole di tante persone che hanno scelto di affidarsi a noi per accompagnare il proprio pasto.

E’ per questo che siamo voluti partire dalla fine, dai ringraziamenti, che per noi sono l’inizio di tutto, ogni giorno.

Per tutto il resto c’è tempo.

Per adesso, grazie.

Saludi e trigu!